LA PASSIONE DEL NEGATIVO Omaggio al pensiero di André Green

Scritti di A. Baldassarro, C. Chabert, F. Conrotto, A. Giuffrida, A. Green, L. Guttieres-Green, L. Preta, L. Russo, G. Squitieri, F. Urribarri

Le ragioni di una riflessione sull’opera di André Green non solo sono dettate dalla necessità di rendere omaggio a uno dei maggiori pensatori della psicoanalisi del nostro tempo, ma costituiscono anche l’occasione di un ripensamento complessivo, e al tempo stesso di possibile evoluzione e trasformazione, della disciplina psicoanalitica. La scelta di individuare come tema unificante per un omaggio ad André Green quello della “passione del negativo” intende infatti indicare la necessità di confrontarsi con una questione di straordinaria attualità nello scenario geo-politico contemporaneo e
con un nodo centrale della teoria e della clinica psicoanalitica contemporanee.

È proprio Green infatti a considerare il “negativo” come una questione che, a ben guardare, attraversa tutta l’opera freudiana ed è a fondamento del dispositivo analitico. Green fa notare che la sua presenza va ricercata nell’esperienza della clinica per un verso – soprattutto nei casi dei pazienti borderline – e negli aspetti fondamentali della teorizzazione psicoanalitica; e ancora, che il “negativo” non ha un’accezione esclusivamente “negativizzante” ma che è da concepire come un elemento non solo distruttore, ma creatore. E dunque dotato di quell’elemento “passionale” che sembra una delle sue caratteristiche fondamentali, quando lo si vede all’opera ad esempio
nel transfert negativo. Senza dimenticare, ovviamente, che esso rimanda
a quella evidente passione di Green per il suo oggetto di studio e di riflessione,
la psicoanalisi stessa.

Questo volume raccoglie ulteriori approfondimenti su questi argomenti a partire dall’opera di André Green, nonché un suo testo su “Negativo e negazione in psicoanalisi” inedito in italiano e la trascrizione di un’intervista sul suo percorso di pensiero.

Andrea Baldassarro, psichiatra e psicoanalista, membro ordinario con funzioni di training della Società Psicoanalitica Italiana e dell’International Psychoanalytic Association. Tra i suoi ultimi lavori: “Un tentativo di comprendere la psicosi”, in La tentazione psicotica di L. Abensour (2014); “André Green e la psicoanalisi contemporanea”, in La clinica psicoanalitica contemporanea di A. Green (2016); “Alterità e identità nella psicoanalisi del XXI secolo. Miti, religioni, linguaggi”, in Cartografie dell’inconscio a cura di L. Preta (2016); Perché il male (a cura di, 2017). Vive e lavora a Roma.

1215.1.41 A. BALDASSARRO (a cura di) La passione del negativo