Il “contro” del controtransfer